Cerca
Close this search box.
MENU
Cerca
Close this search box.
MENU

ASOC Stories: nell’Aeroporto di Crotone servizi regolari anche grazie ai giovani di ASOC

16 Gennaio, 2024

Condividi

Sul sito di opencoesione.gov.it è stata pubblicata una nuova storia sull’indagine del team Lost Flight  sull’aeroporto “Pitagora” di Crotone, primo aeroporto calabrese, ma anche quello di cui, negli anni,  si è molto dibattuto. L’aeroporto è stato al centro di manifestazioni e proteste che hanno destato l’attenzione dell’opinione pubblica, è stato anche oggetto della ricerca di monitoraggio civico degli studenti e delle studentesse dell’IT Mario Ciliberto, il team team Lost Flight, che nell’anno 2018 portò all’attenzione di molti le vicende dell’azienda che gestiva lo scalo, poi fallita, rivelatasi non in grado di gestire l’infrastruttura e di amministrare risorse pubbliche.

Dopo anni di bandi andati deserti e compagnie aeree che hanno dato forfait a causa delle poche prenotazioni, oggi lo scalo pitagorico si mostra capace di registrare incrementi nel numero dei passeggeri, come quello del giugno 2023, più 33% (per un totale di 24.024 passeggeri) rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.

L’adeguamento normativo ha consentito, come annunciato dalla Sacal, la società che gestisce gli scali aeroportuali calabresi, la regolarità del servizio, a partire dalla nuova tratta Crotone-Roma operata da Sky alps. Negli anni passati gli amministratori dell’aeroporto erano stati coinvolti in vicende giudiziarie su cui nel 2021 il tribunale di Crotone ha pronunciato una sentenza di assoluzione perché il fatto non sussiste. L’accusa mossa era di bancarotta semplice, dopo che la società “Aeroporto Sant’Anna spa” era stata dichiarata fallita nell’aprile del 2015.

Il team, giunto al terzo posto dell’edizione 2017-2018 di ASOC, si è distinto per l’accuratezza dell’analisi effettuata e per il grande coinvolgimento del territorio. I giovani calabresi hanno ben rappresentato il disagio vissuto dai propri concittadini in tema di trasporti. Non si tratta di quantificare i danni causati al turismo calabrese, ma di una questione di vitale importanza per chi in quel territorio vive e vi fa ritorno se fuori sede.
È stato proprio questo il monito degli studenti: affrontare una questione non più rimandabile alla stagionalità, ma come tema prioritario nell’agenda politica locale e nazionale.

Oggi la situazione è cambiata, ma continua a essere considerato uno scalo turistico, con sole tre tratte: Crotone-Milano (Orio al Serio), Crotone-Roma, Crotone-Bologna.

Per approfondimenti:

https://opencoesione.gov.it/it/ASOCStories/

https://www.ascuoladiopencoesione.it/

Contenuti per categoria
Articoli per TAG